Il colombo viaggiatore

 

Il piccione o colombo viaggiatore, nelle sue numerose razze, puo' volare alla velocita di 50-100 Km all'ora ed in un giorno può coprire distanze di anche 1000 chilometri e con una capacità di orientamento eccezionale nel ritrovare il suo luogo di origine. Può essere utilizzato come messaggero perché quando è rilasciato torna comunque alla sua colombaia originaria portando eventualmente piccoli messaggi attaccati alle zampe. Le diverse razze moderne, che appassionati in tutto il mondo hanno allevato e migliorato, hanno sviluppato una resistenza al volo ed una velocità molto superiore che in passato. Oggi in molti paesi si allevano questi volatili e si svolgono gare di velocità e orientamento con percorsi di diverse migliaia di chilometri passando anche da un continente all'altro. Si pensa che nel cervello abbiano particolari molecole, forse cristalli liquidi, che risentono, orientandosi, del diverso campo magnetico terreste e quindi riconoscere il luogo della loro origine.

Questa loro capacità era nota fin dai primordi della civiltà (2000-3000 A.C). Si capisce quindi come sia stato possibile che i piccioni viaggiatori siano stati i messaggeri sconosciuti che informavano i vari Centri Oracolari sia nell'antica Sumeria che nell'antico Egitto e nella Grecia arcaica. Si formò una specie di staffetta di diversi piccioni viaggiatori che potevano portare lo stesso messaggio nelle varie direzioni e in questo modo ogni centro era collegato agli altri. Spesso sarà accaduto che subito dopo l'arrivo di un piccione ne partiva un altro con lo stesso messaggio in direzione di un altro centro o con l'eventuale risposta in direzione del mittente. 

Per questo motivo nei siti di questi cosiddetti Centri Oracolari vi era spesso l'immagine di due piccioni o colombe . Ovviamente ogni centro doveva avere diversi piccioni provenienti dai diversi centri e ciascuno, quando veniva lasciato libero, tornava al suo luogo di origine portando l'eventuale messaggio. Ciò 

permetteva ai Sacerdoti Oracolari di conoscere certi avvenimenti molto tempo prima che lo sapessero gli altri costretti ad aspettare eventuali corrieri terrestri che potevano impiegare diversi mesi . In aggiunta la saggezza e le avanzate conoscenze in ogni campo di questi Sacerdoti rendeva i loro suggerimenti od "Oracoli" molto utili a chi li chiedeva permettendo in definitiva il diffondersi delle conoscenze.

 

Quindi possiamo definire questi antichi piccioni viaggiatori non solo portatori di notizie ma anche coadiutori della propagazione delle conoscenze. In seguito sono stai usati da re e imperatori per accrescere le loro fortune e i loro imperi. Per esempio, Giulio Cesare nella conquista della Gallia ha fatto uso di questi messaggeri. Il sapere prima di altri le notizie è stato anche nel passato un modo formidabile di accrescere il proprio potere ma ha permesso alle civiltà più evolute di espandersi.

In tempi più recenti, si dice che Julius Reuter, che fondò nel XIX secolo la tuttora notissima Agenzia di Notizie Internazionali Reuters, all'inizio usò come messaggeri "postali" dei piccioni viaggiatori. In alcuni paesi è tuttora vietato o controllato l'uso di questi piccioni per i privati.

Qualcuno pensa, esagerando, che in un futuro prossimo, per avere la certezza del segreto qualcuno potrà ritornare a questo antichissimo mezzo di comunicazione dato che gli altri mezzi altamente tecnologici non assicurano certo la segretezza.

 

Fonte: Virgilio.it 

 

Contatti

www.gruppocolombofiloestense.it Pomin Fausto
Via Custoza, 4
37049 Villa Bartolomea VR
380-5141037 info@gruppocolombofiloestense.it